IL PROGETTO

L’obiettivo più ambizioso del presente progetto consiste nel massimizzare la sostenibilità energetica dell’intera filiera di trattamento delle acque di depurazione con un’attenzione particolare rivolta ai fanghi prodotti.

Nello specifico si cercherà non solo di ridurne i volumi finali per contenere i costi di smaltimento degli stessi (attraverso un essiccamento a bassa temperatura), ma si punterà anche ad una congiunta produzione netta di un prodotto ad elevato valore aggiunto (come il Biodiesel), riducendo al minimo l’eventuale apporto di energia dall’esterno, che nel caso limite più ottimistico potrebbe addirittura essere annullato.a realizzazione di un obiettivo così ambizioso si basa non solo sull’applicazione di tecnologie di per sé innovative, ma anche attraverso una rispettiva efficiente integrazione dei suddetti processi, con recuperi termici di correnti esauste.

In tal modo, si potrà definire pienamente recuperato il potenziale chimico-energetico dei fanghi di depurazione urbani, in linea coerente ai principi della green economy e dell’economia circolare.

Di seguito, con riferimento allo schema a blocchi riportato in precedenza, la identificazione degli OR e delle relative attività:

OR1: Estrazione lipidi e trasformazione in biodiesel

–         Trasformazione lipidi

–         Test ottimizzazione delle condizioni di estrazione dei lipidi

–         Raffinazione

OR2: Digestione anaerobica dei fanghi residuali del trattamento di estrazione dei lipidi (in breve “fanghi LE”)

–         Digestione anaerobica

–         BMP Test

OR3: Estrazione biometano mediante lavaggio chimico del biogas

–         Estrazione biometano dal biogas prodotto dalla digestione anaerobica dei fanghi LE

–         Estrazione biometano dal biogas spillato dalla digestione anaerobica esistente

OR4: Essiccamento termico a bassa temperatura

–         Essiccamento dei fanghi LE

–         Essiccamento dei fanghi in uscita dall’impianto di depurazione (previa centrifuga)

Partners